Added by on 9 ottobre 2017

Sverginata a 17 anni in barca…(4, dialoghi…)

E così lasciai il paesello per la grande città. MA è una brava ragazza, lavoratrice. Mi sentivo tranquillo ma era duro capire perché. “Davvero, gran signora?? Scusami… non me ne ero accorta… ma conosco io un metodo per portarti un passo indietro, prima di ricominciare…” e tenendola stretta per la catena, diede un ceffone sul seno sinistro della sua preda. Ma da me, non da lui. E sul suo, arrivò un whatsapp… “Rialzati, e siediti a diretto contatto con la panca. Niente di grave. come dicevo, scoppiai a piangere. “La… la tua puttana…” singhiozzò Serena. ” Concluse la donna, guardandola. Il viscido marito della mia amica, come ogni domenica, mi fissava continuamente con occhio spermatico. ” Se ti muovi ti porto in caserma così come sei, hai capito????” Mi urla in un orecchio. Il sabato lo passai a prepararmi, bagno, parziale depilazione anale, vari clisteri, preparazione della camera da letto, ect. Come fa? Quale cazzo di potere ha quest’uomo su di me? Non perdo mai la testa, ho sempre il controllo. Per la prima volta, godevo nel dare piacere con la bocca. Sono soddisfatto. Ok, ora ci vuole una riflessione

Sure:
Etiketler: Sverginata a 17 anni in barca…(4, dialoghi…)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*